Analisi ascolti tv 20 giugno: Morante batte Jovovich, il redivivo Papi è da podio. Berlinguer risale (non c’era Floris) ma sfora e fa arrabbiare Mannoni (“E’ uno sfregio!”). Gruber stacca Vinonuovo

Che non sia stata una serata generalista memorabile lo dice il risultato delle ‘Altre’ di Auditel, ieri tra il 50% ed il 55% in prima serata. E che il pubblico sia andato a caccia di alternative all’offerta tradizionale lo suggerisce pure il risultato, notevole, del film di Rai4 (‘Parker’ al 4,1%). Ieri è stata di ridotti contenuti tecnici la sfida tra le ammiraglie: con un film tv in replica, ‘Con il sole negli occhi’, con Laura Morante protagonista, Rai1 ha ottenuto 2,8 milioni e il 13,5%; mentre il film di Canale 5, Survivor, con Milla Jovovich e Pierce Brosnan si è fermato a 2,4 milioni e 11,4%.

Ha fatto ancora molto bene ‘Sarabanda’ su Italia1. Il redivivo Enrico Papi si è confermato, sfiorando 1,6 milioni di spettatori con l’8,7% di share. Quarta in graduatoria, risalendo miracolosamente dal baratro di sette giorni prima (664mila spettatori e il 3,39%), quasi raddoppiando le prestazioni a quota 1,161 milioni e 6,2%, è stata Bianca Berlinguer.

‘#Cartabianca’ è cresciuto perché non c’era più la concorrenza diretta di Giovanni Floris su La7 (che ha trasmesso il film ‘Un povero ricco’ raccogliendo 658mila spettatori e il 3,1%) e perché su Rai2 la partita di basket ‘Venezia-Trento’ ha raccolto solo 804mila spettatori e il 3,8% di share, ma anche perché all’ultima puntata la scaletta della trasmissione è parsa più aggressiva e bilanciata. C’era la notizia calda ed esclusiva (“Non mi dimetto” ha detto nell’intervista Virginia Raggi, con i capelli come sempre vezzosamente incastrati da un lato, sull’orecchio a sventola), c’era l’attualità immediata (i collegamenti e gli aggiornamenti sul nuovo atto terroristico a Bruxelles), ma c’era pure molto cazzeggio, alto e basso, con Andrea Camilleri e Mara Venier, e tutto l’insieme ha fatto bene alla trasmissione. Che però ha sforato di dieci minuti mandando su tutte le furie Maurizio Mannoni.

Il conduttore di ‘Linea Notte’ (ieri a (452mila spettatori e 6,8% di share) ha attaccato con virulenza la sua ex direttrice. “Un ritardo irrispettoso e inutile”, ha definito l’esondamento oltre la mezzanotte. “Puro sfregio, senza motivi realmente giornalistici a discolpa, che qualcuno intervenga…” ha detto senza nemmeno nominare la su arcinemica un Mannoni fuori dai gangheri prima di affrontare i temi di giornata (terrorismo, caso Consip, Raggi a processo) e confrontarsi, rimanendo distante dal leader di fascia, con ‘Porta a Porta’ (Consip, economia, suicidio Prato tra i temi di Bruno Vespa) che ha conseguito 1,031 milioni di spettatori e il 9,6% di share con la prima parte e poi 672mila spettatori e il 10,9% con la seconda parte.

Più tranquillo l’andamento dell’access, con Lilli Gruber in forma e in vantaggio più ampio su Marcello Vinonuovo: su La7 ‘Otto e mezzo’, con Matteo Salvini ospite, ha riscosso 1,232 milioni e il 6%; su Rete 4 per ‘Dalla vostra parte’ (“Diritti e rovesci di uno stato che spesso vessa il cittadino in maniera incontrollata” il titolo della puntata) 1,005 milioni di spettatori e il 4,95%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza