Carlo De Benedetti lascia la guida del Gruppo Gedi. I cinque punti della sua eredità ideale al successore: “totale libertà di espressione, pluralismo, laicismo, libero mercato ed adesione totale al sogno europeo”

Condividi

Una giornata storica per Gedi il gruppo editoriale nato dalla ridenominazione del Gruppo Espresso. Questa sera è arrivata l’approvazione della Consob all’operazione di fusione con Itedi , proprio poche ore dopo le dimissioni di Carlo De Benedetti dal cda e dal ruolo di presidente.
Un po’ di commozione era inevitabile, ma la giornata i cinque princìpi “ irrinunciabili alla base della nostra linea editoriale” ha voluto lasciare chiare indicazioni per il figlio Marco che ha preso il testimone come presidente e a tutto il cda che si prepara alla grande operazione di fusione.

storica dell’uscita abbastanza improvvisa di Carlo De Benedetti da tutti i ruoli che ha ricoperto per 11 anni nel gruppo Editoriale L’Espresso, si è svolta in un clima di grande serenità.
De Benedetti aveva convocato per oggi la riunione del cda informando il il consiglio dell’intenzione di rassegnare le dimissioni da presidente e da consigliere di amministrazione. Presenti tutti i consiglieri e come ‘invitati’ John Elkann e Carlo Perrone, prossimi ad essere cooptati dopo la formalizzazione della fusione di Gedi con Itedi, De Benedetti ha ricordato di essersi identificato per “ più di 40 anni con il Gruppo e in particolare con Repubblica, con Eugenio e con Ezio, con i quali non ho mai avuto un solo screzio, condividendo pienamente le tante battaglie e anche i periodi di isolamento”.
L’ingegnere ha rivendicato che “nei 25 anni in cui sono stato azionista di controllo e negli 11 anni in cui sono stato editore, ho sempre garantito l’assoluta libertà di stampa ai giornali del Gruppo. Non c’è giornalista che lavora o che abbia lavorato in questo Gruppo che possa ricordare una singola occasione in cui gli sia stato chiesto da me di scrivere o di non scrivere su un qualsivoglia argomento”.
Ed evocando i cinque princìpi “ irrinunciabili alla base della nostra linea editoriale” ha voluto lasciare chiare indicazioni per il figlio Marco che ha preso il testimone come presidente e a tutto il cda che si prepara alla grande operazione di fusione. I punti fondamentali sono dunque:
totale libertà di espressione, pluralismo, laicismo, lbero mercato ed adesione totale al sogno europeo.
Intorno al Gruppo e in particolare intorno a Repubblica, ha detto con orgoglio De Benedetti, “si è fondata una comunità, caso unico per un giornale europeo, perché Repubblica è anche emozione: presenziando la settimana scorsa all’apertura di Repubblica delle Idee a Bologna, ho avuto modo di constatare la vitalità e l’affetto con cui questa comunità si ritrova sotto il nome di Repubblica”.
E naturalmente De Bendetti ha promesso che rimarrà “ sempre legato ad una straordinaria avventura che ha visto nascere e prosperare, nel difficile mondo dell’editoria, un operatore culturale di qualità irripetibili.”
Dopo il consiglio che ha nominato Marco De Benedetti alla presidenza, l’ingegnere ha voluto incontrare i direttori, i manager del gruppo e il comitato di redazione di Repubblica che ha fatto un comunicato molto composto e riconoscente. Domani sul quotidiano uscirà un’intervista firmata dal vice direttore Dario Cresto Dina.
Il nuovo presidente insieme al fratello Rodolfo sono andati a incontrare Eugenio Scalfari, il fondatore e punto di riferimento irrinunciabile nei rapporti umani e professionali del Gruppo.