Attesa per mercoledì una multa da 1 miliardo di euro dall’Antitrust Ue per Google

Multa da 1 miliardo di euro in arrivo per Google da parte dell’Antitrust Ue. Secondo quanto riporta il Financial Times citando fonti vicine all’inchiesta, la sanzione sarebbe attesa per mercoledì e dovrebbe essere comminata per abuso di posizione dominante nel mercato in relazione al servizio Google Shopping, mentre sono ancora pendenti due altri casi, quello su Android e sul sistema di pubblicità.

Nessun commento dalla commissione Ue sul caso Google, mentre l’azienda Usa ha dichiarato di “continuare a collaborare costruttivamente con le autorità europee” e di considerare “buone per i consumatori, gli operatori e la concorrenza” le innovazioni dello shopping online.

Margrethe Vestager (Foto Olycom)

La multa sarebbe la prima sanzione di una grande autorità antitrust a livello globale nei confronti di Google. Margrethe Vestanger, il commissario Ue alla Concorrenza, nel corso del 2016, ha già rifilato una stangata da 13 miliardi di euro a Apple, considerando illegali i benefici fiscali concessi al gruppo Usa dall’Irlanda, che le hanno consentito di pagare meno tasse rispetto alle altre imprese nel corso di molti anni.

Il caso, secondo il Ft, potrebbe far aumentare ulteriormente le tensioni tra Ue e Usa, a quasi due settimane dal G20 di Amburgo.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer