Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube uniscono le forze contro i contenuti terroristici online e annunciano la nascita del ‘Global Internet Forum to Counter Terrorism’

Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube insieme contro il terrorismo. I colossi dell’hi tech annunciano la creazione del ‘Global Internet Forum to Counter Terrorism’ contro i contenuti terroristici online. L’alleanza, si legge in un a nota, ”formalizzerà e strutturerà le aree esistenti e future della collaborazione tra le nostre aziende e promuoverà la cooperazione con le aziende tecnologiche più piccole, la società civile, gli accademici, i governi e gli organismi sovranazionali come l’Ue e l’Onu”.

”La diffusione del terrorismo e dell’estremismo violento è un problema globale urgente e una sfida critica per tutti noi”, sottolineano. “Crediamo di poter avere un impatto maggiore sulla minaccia del contenuto terroristico online lavorando insieme e condividendo il meglio delle nostre rispettive tecnologie e modalità operative”.

Nella foto, in alto: Satya Nadella (Microsoft) e Mark Zuckerberg (Facebook); sotto: Jack Dorsey (Twitter) e Susan Wojcicki (YouTube)

Il forum si fonda su iniziative quali l’EU Internet Forum e lo Shared Industry Hash Database, su discussioni con il governo britannico e sulle conclusioni delle recenti riunioni del G7 e del Consiglio Europeo.

Il lavoro di Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube si evolverà nel tempo, rispondendo alle tattiche di terroristi ed estremisti. Le aree su cui i quattro colossi si concentreranno all’inizio sono tre: le soluzioni tecnologiche, la ricerca e la condivisione delle conoscenze. ”Le nostre aziende lavoreranno insieme per perfezionare e migliorare progetti tecnologici congiunti già avviati, condivideranno le best practices via via che vengono sviluppate e implementate nuove tecniche di rilevamento e classificazione dei contenuti utilizzando il machine learning, e definiranno metodi standard per offrire trasparenza sulla rimozione dei contenuti terroristici” spiega ancora la nota.

Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube commissioneranno anche ”studi e ricerche per guidare gli sforzi di counterspeech e le future decisioni tecniche e di policy relative alla rimozione del contenuto terroristico”.

I quattro colossi si impegnano anche a lavorare ”con esperti di contro-terrorismo, quali governi, società civile, accademici e altre aziende per condividere le conoscenze acquisite sul terrorismo” e a ospitare “una serie di workshop in collaborazione con il CTED dell’ONU / ICT4Peace nella Silicon Valley e in altre parti del mondo per portare avanti queste aree di collaborazione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza