Al via l’indagine conoscitiva della commissione Internet sulle fake news. La disinformazione mira a condizionare la politica e creare caos, dice Boldrini: serve capire da dove si sviluppano e come contrastarle

“Per orientarci meglio la commissione Internet ha deciso di avviare un’indagine conoscitiva sulla disinformazione: vogliamo capire cosa è, come si manifesta e attraverso quali canali”. A dirlo la presidente della Camera Laura Boldrini nel corso dei lavori della commissione Internet dove da oggi sono all’ordine del giorno audizioni di esperti. Si avvierà dunque, afferma la presidente di Montecitorio, “un’attività conoscitiva sulle fake news, le bufale, che rappresentano un tema centrale dalle molte implicazioni”.

Laura Boldrini (foto Olycom)

“La disinformazione mira a condizionare la politica, l’opinione pubblica e a danneggiare anche le aziende; a creare caos alterando in ultima analisi l’assetto democratico”, ha detto Boldrini. “La commissione”, ha ribadito, “non può non occuparsene e capire come si sviluppa questo fenomeno e come contrastarlo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti