Via libera dall’Europarlamento alla nomina di Mariya Gabriel come commissaria all’economia digitale al posto di Guenther Oettinger

Via libera del Parlamento europeo alla bulgara Mariya Gabriel come nuova commissaria all’economia digitale. L’Aula ha approvato la sua nomina con 517 voti a favore, 77 contrari e 89 astensioni. L’ex eurodeputata 38enne prende il posto del tedesco Guenther Oettinger, passato al bilancio e rimpiazza, dopo 6 mesi di vuoto in cui Sofia è rimasta senza un rappresentante a Bruxelles, l’ex commissaria bulgara Kristalina Georgieva, che ha lasciato il suo incarico per diventare ad della Banca Mondiale a Washington.

Dopo la nomina da parte del presidente della Commissione Juncker, Gabriel – spiega Ansa – ha passato l’esame dell’Europarlamento, in una lunga audizione congiunta condotta dalle commissioni industria e cultura. La sua scelta inizialmente era stata criticata in quanto Gabriel non si era mai occupata di digitale e tlc.

Mariya Gabriel

La neocommissaria lavorerà sotto la coordinazione in particolare del vicepresidente della Commissione Ue per il mercato unico digitale, l’estone Andrus Ansip, che negli ultimi sei mesi ha assicurato la gestione ad interim dell’intero portafoglio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Prime Video, ecco la squadra per la Champions e la Supercoppa. Tante star ‘condivise’

Prime Video, ecco la squadra per la Champions e la Supercoppa. Tante star ‘condivise’

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta-digitali di quotidiani e settimanali a giugno, mensili a maggio

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta-digitali di quotidiani e settimanali a giugno, mensili a maggio

Gazzetta del Mezzogiorno, appello della Regione Puglia. La società affittuaria della testata: Attendiamo iniziativa delle Curatele fallimentari

Gazzetta del Mezzogiorno, appello della Regione Puglia. La società affittuaria della testata: Attendiamo iniziativa delle Curatele fallimentari