Crolla la fiducia degli europei nel web e nei social network. I dati della Commissione Ue: radio e tv i media ritenuti più attendibili. In miglioramento la credibilità della stampa (INFOGRAFICHE)

I social network sono i media ritenuti meno affidabili in Europa. Ad evidenziarlo i dati della commissione Europea, nel rapporto sulla fiducia nei media nel continente nel 2016, secondo i quali solo il 36% dei cittadini dell’Unione tende a fidarsi di internet e il 21% afferma di avere fiducia in quanto letto e trovato sulle varie piattaforme social. Francia e Svezia sono le due nazioni più sospettose verso Facebook & co., anche se,  in tutte e 33 i Paesi analizzati il numero di chi guarda con sospetto i social supera di gran lunga chi li ritiene attendibili. In generale comunque – evidenzia il sito Weforum,è proprio la fiducia nel web che sta perdendo i colpi, al punto che in 24 nazioni  il tasso di credibilità della Rete dal 2012 al 2016 ha registrato un declino.

A sorpresa, al crollo di web e social non corrisponde un crollo nella fiducia negli altri media. Anzi, al contrario, sarà forse anche per una forma di crisi da rigetto da fake news, per i cosiddetti media tradizionali – radio, tv e carta stampata – si è registrato un aumento di credibilità e considerazione da parte degli europei rispetto agli anni scorsi.

Secondo i dati raccolti, la radio ha registrato l’incremento più significativo, crescendo nell’indice di fiducia di 6 punti rispetto al 2015. Anche la tv ha ricevuto una spinta non marginale, salendo da 1 a 4. Discorso a parte per la stampa che, pur godendo di un giudizio fondamentalmente negativo, ha cominciato la sua risalita, passando da un -7 a -2.

La radio resta comunque il mezzo ritenuto più affidabile in tutto il continente, scelto dal 59% delle persone. Alle sue spalle la tv, indicata da 1 europeo su 2, anche se il 46% degli intervistati non ha nascosto di avere qualche dubbio su di essa. I paesi nordici sono quelli più positivi verso questi due media: ad esempio, l’82 e il 78% dei finlandesi crede rispettivamente in radio e tv.

Testa a testa per i giornali, con il 48% delle persone che non tende a fidarsi, rispetto al 46% che invece ripone nelle loro pagine la sua fiducia. In particolare, sono gli inglesi con i cittadini del Sud-Est europeo che guardano la carta stampata con più sospetto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Vendite dei quotidiani diminuite di un terzo in 5 anni, male anche le copie digitali. Osservatorio Agcom: a giugno bene ascolti Rai e Discovery

Vendite dei quotidiani diminuite di un terzo in 5 anni, male anche le copie digitali. Osservatorio Agcom: a giugno bene ascolti Rai e Discovery

Investimenti adv in crescita del 4,4% fino al 2021. Previsioni Zenith: crescono i social, che superano la stampa

Investimenti adv in crescita del 4,4% fino al 2021. Previsioni Zenith: crescono i social, che superano la stampa

Rapporto Auditel-Censis: in Italia ci sono più cellulari che apparecchi tv; tante le smart tv ma poco connesse

Rapporto Auditel-Censis: in Italia ci sono più cellulari che apparecchi tv; tante le smart tv ma poco connesse