Nasce WiFi.Italia.it, la prima rete nazionale free. Uno strumento indispensabile per il turismo, dicono il ministro Franceschini e il sottosegretario Giacomelli

Una app per navigare, gratuitamente, in tutta Italia, ricevendo anche contenuti e informazioni. È la rivoluzione di Wifi.Italia.It, la prima rete Wifi nazionale, libera e gratuita per cittadini e turisti, operativa da oggi – seppur ancora a macchia di leopardo e quasi esclusivamente al centro-nord – nata per iniziativa del ministero dello Sviluppo economico, del ministero dei beni culturali e turismo e dell’Agenzia per l’Italia digitale.

Una grande infrastruttura invisibile, che si inquadra anche negli obiettivi posti dalla Comunità europea in materia di telecomunicazioni, nata federando e integrando le reti free wifi metropolitane e regionali già esistenti. E che permetterà all’amministrazione pubblica di raccogliere dati su utenti ed utilizzo della app. Tra le prime città pioniere, Roma, Milano, Firenze, Bari, ma anche il Polesine, la provincia autonoma di Trento e l’Emilia Romagna.

Un momento della presentazione di Wifi.italia.it

“Uno strumento davvero indispensabile per il turismo che nei prossimi anni sarà sempre più esperienziale”, il commento del ministro Dario Franceschini.

“L’Italia sta recuperando su tutti gli aspetti della connettività”, ha fatto invece notare il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli. WiFi.Italia.it, ha aggiunto, “ci permetterà di avere una fotografia reale e completa del turismo del nostro paese. E per la prima volta, ad avere questi dati non sarà un gigante del web, ma un paese, il suo sistema pubblico, disponibile a collaborare con tutti e soprattutto con i giovani”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sanremo 2021, seconda serata: Ama e Fiore crollano in Calabria, Liguria, Campania e Lombardia. Puglia, Marche e Sicilia non bastano

Sanremo 2021, seconda serata: Ama e Fiore crollano in Calabria, Liguria, Campania e Lombardia. Puglia, Marche e Sicilia non bastano

In forte aumento le minacce ai giornalisti. L’anno scorso 163 atti intimidatori, +87%. Lamorgese: massima attenzione

In forte aumento le minacce ai giornalisti. L’anno scorso 163 atti intimidatori, +87%. Lamorgese: massima attenzione

Radio. Brutto inizio anno per la raccolta pubblicitaria, a gennaio -34,5%. Fcp Assoradio: previsioni difficili a causa di dinamiche contrapposte

Radio. Brutto inizio anno per la raccolta pubblicitaria, a gennaio -34,5%. Fcp Assoradio: previsioni difficili a causa di dinamiche contrapposte