Google lancia Sos Alerts, servizio pensato per le situazioni di emergenza, con informazioni dedicate su mappe e motore di ricerca in caso di pericolo

Dopo Facebook con il suo Safety Check, anche Google va in soccorso di chi si trova in situazioni di pericolo con Sos Alerts, il servizio che – con nuove funzioni per Maps e per il suo motore di ricerca – permette di avere accesso rapidamente alle informazioni necessarie qualora ci si dovesse trovare in una situazione critica, aiutando a capire cosa stia realmente succedendo e come comportarsi.

Nel mezzo di una situazione pericolosa, spiega Big G, ricercando informazioni sull’evento o sul luogo dove sta accadendo qualcosa, il primo risultato potrà essere un Sos Alert. Appariranno mappe, top stories e, dove disponibili, anche gli aggiornamenti delle autorità locali, numeri telefonici per le emergenze e traduzioni delle frasi più utili. A seconda dell’importanza della situazione di pericolo e della posizione, è anche possibile che venga ricevuta una notifica sullo smartphone che rimanderà direttamente al Sos Alert sul motore di ricerca, per sapere quello che sta succedendo nella zona.

Su dispositivi mobili, anche Google Maps mostrerà gli Sos Alerts, con un’icona specifica, con tutte le informazioni sull’accaduto. La mappa includerà aggiornamenti in tempo reale, come la chiusura di alcune strade e aggiornamenti sul traffico e i tempi di percorrenza.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP100 Audiweb Week 9-15 novembre. Cresce l’audience delle news: Corriere sempre primo, salgono sul podio Fanpage e Messaggero

TOP100 Audiweb Week 9-15 novembre. Cresce l’audience delle news: Corriere sempre primo, salgono sul podio Fanpage e Messaggero

Rai, bufera su ‘Detto Fatto’. Salini: episodio gravissimo; Borioni: opposto al Contratto di Servizio; Laganà: sanzioni ai responsabili

Rai, bufera su ‘Detto Fatto’. Salini: episodio gravissimo; Borioni: opposto al Contratto di Servizio; Laganà: sanzioni ai responsabili

Fake News, meno del 50% delle persone verifica le fonti. I social principale veicolo di disinformazione

Fake News, meno del 50% delle persone verifica le fonti. I social principale veicolo di disinformazione