Daniela Santanchè liquida Visibilia Magazine, che edita ‘Novella 2000’ e ‘Visto’. Il Cdr: non ha versato nei tempi il Tfr dei lavoratori e non paga i collaboratori

Daniela Santanchè ha annunciato la liquidazione di Visibilia Magazine Srl, casa editrice dei settimanali ‘Novella 2000’ e ‘Visto’. Così una nota del Cdr, che ricorda: Santanchè ha acquisito i due giornali nel 2015 da Prs Editore. Solo sei mesi dopo, dopo la comunicazione di una perdita di un milione di euro, la cassa integrazione per i lavoratori, 16 tra giornalisti e impiegati.

Una misura che secondo Santanchè, aggiunge il Cdr, “avrebbe riportato in positivo i bilanci”. Ma, prosegue la nota, diverse agenzie e collaboratori hanno smesso di fornire servizi alle due testate, “perché da mesi non vengono pagati”, e Santanchè “non ha versato nei tempi il Tfr dei lavoratori, chiedendo in seguito una rateizzazione per regolare le varie situazioni”.

Il Cdr delle due testate, inoltre, si appella a Silvio Berlusconi: “È sicuro di voler candidare nel suo schieramento una persona che si è dimostrata così poco capace di gestire le sue aziende lasciando “per strada” i suoi lavoratori e le loro famiglie?”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 29 ottobre convegno Pwc sulle ‘azioni indispensabili per non soccombere’. Ne discutono Patuanelli, Beduschi, Cardani, Cerbone, Leone, Mauri, Josi

Il 29 ottobre convegno Pwc sulle ‘azioni indispensabili per non soccombere’. Ne discutono Patuanelli, Beduschi, Cardani, Cerbone, Leone, Mauri, Josi

Fondazione De Agostini rinnova il Cda: Chiara Boroli presidente e Marcella Drago segretario generale; Roberto Drago presidente d’onore

Fondazione De Agostini rinnova il Cda: Chiara Boroli presidente e Marcella Drago segretario generale; Roberto Drago presidente d’onore

Charlie Hebdo disegna Erdogan in una vignetta con una donna svestita e vino. La condanna turca: senza morale

Charlie Hebdo disegna Erdogan in una vignetta con una donna svestita e vino. La condanna turca: senza morale