Time vuole puntare su video e digitale. Secondo il Wall Street Journal trattative in corso per la vendita della divisione dei magazine britannici

Time ha dato mandato a delle banche d’investimento per esplorare la possibile vendita della divisione dei magazine britannici ed è già in trattative con potenziali acquirenti. A segnalarlo il Wall Street Journal, secondo il quale la mossa rientra nella strategia del gruppo editoriale di disfarsi degli asset non core, per poter investire sul digitale e sul video. I magazine in questione sono Horse & Hound, Country Life, Decanter, InStyle e Marie Claire Uk.

Stando al quotidiano, non è chiaro a quanto potrebbe ammontare in totale l’operazione. Le attività inglesi rappresenta il 10% del fatturato totale del gruppo (che ha una capitalizzazione di mercato di 1,4 miliardi di dollari), e nel 2016 hanno generato ricavi per 313 milioni di dollari, in calo dai 370 milioni del 2015.

Rich Battista, presidente e ad di Time Inc.

I giornali inglesi non sarebbero i soli che Time vorrebbe vendere. Lunedì scorso il gruppo ha detto di voler vendere una quota di maggioranza di Essence, il mensile di lifestyle per donne afro-americane, e potrebbe dismettere anche Coastal Living, Sunset e Golf.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom, ammissibile il progetto FiberCop (Tim); ora approfondimenti

Agcom, ammissibile il progetto FiberCop (Tim); ora approfondimenti

Poco spazio nel mondo dei video online. A soli 6 mesi dal lancio, chiude il servizio streaming Quibi

Poco spazio nel mondo dei video online. A soli 6 mesi dal lancio, chiude il servizio streaming Quibi

Rai, Barachini scrive a Gualtieri e Salini per sollecitare un’audizione su conti e piano industriale

Rai, Barachini scrive a Gualtieri e Salini per sollecitare un’audizione su conti e piano industriale