Sky Italia chiude l’esercizio 2016-2017 con un utile operativo in crescita del 139% a 162 milioni di euro. Ricavi a +4% e i clienti crescono di 41 mila unità. In arrivo Chernobyl, prima miniserie prodotta con Hbo

Sky Italia ha chiuso l’esercizio 2016-2017 con ricavi in crescita del 4% a tassi costanti, a quota 2.860 milioni di euro (2.458 milioni di sterline), e con profitti operativi balzati del 139% a circa 162 milioni di euro (136 milioni di sterline). Il numero dei clienti è salito di 41 mila unità.

Andrea Zappia

Andrea Zappia

“In un contesto sfidante per i consumi, abbiamo accresciuto con successo la nostra base clienti e i profitti operativi hanno raggiunto il loro livello più alto negli ultimi cinque anni”, dice a proposito dell’Italia la nota sui conti di Sky.

Nello scorso esercizio i profitti operativi dell’intero gruppo di Rupert Murdoch hanno, invece, registrato una flessione del 6% a 1.468 milioni di sterline a causa anche dei costi sostenuti per i diritti della Premier League (629 milioni di sterline) e gli investimenti in Sky Mobile (51 milioni di sterline).

In particolare, per il gruppo Sky utili in rialzo nel quarto trimestre a +8%, pari a circa 510 milioni di euro (455 milioni di sterline). Il fatturato annuale è aumentato del 10% a 12,9 miliardi di sterline. L’utile operativo per l’intero anno, come detto, ha registrato un calo del 6% a 1,47 miliardi di sterline anche per l’impatto dell’aumento dei costi dei diritti per la Premier League.

E mentre Rupert Murdoch è in attesa dell’autorizzazione da parte delle autorità britanniche circa la possibilità che 21st Century Fox possa acquisire il 61% dell’emittente, è in arrivo ‘Chernobyl’, la prima miniserie prodotta con Hbo.

Si tratta, spiega una nota, della prima produzione originale frutto della partnership tra il gruppo Sky e Hbo, annunciata all’inizio di quest’anno. Le riprese di ‘Chernobyl’, il cui cast include Jared Harris (‘The Crown’, ‘Mad Man’) ed è prodotta da Sister Pictures e The Might Mint, inizieranno in Lituania nella primavera del 2018 e i cinque episodi saranno in onda su Sky nel Regno Unito, Irlanda, Italia, Germania e Austria.

La partnership internazionale Sky-Hbo, di cui il racconto del devastante disastro nucleare verificatosi in Ucraina nell’aprile del 1986 è solo il primo step, è un accordo pluriennale da 250 milioni di dollari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Kantar, Alexis Nasard nominato global ceo

Kantar, Alexis Nasard nominato global ceo

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Barachini su Auditel-Censis: Rai deve valorizzare patrimonio culturale e identitario del Paese e contribuire a formare pensiero critico degli italiani

Barachini su Auditel-Censis: Rai deve valorizzare patrimonio culturale e identitario del Paese e contribuire a formare pensiero critico degli italiani