Netflix punta sulle serie animate e arruola Matt Groening, il papà dei Simpson. Previsto per il 2018 il debutto della nuova produzione ‘Disenchantment’

Netflix vuole allargare la sua offerta di serie animate. E per farlo ha arruolato anche Matt Groening, il papà dei Simpson. La notizia circolava già da diversi mesi, ma solo nei giorni scorsi è arrivata la conferma ufficiale da parte della società californiana, insieme a qualche dettaglio in più sul progetto, il cui debutto dovrebbe avvenire nel 2018.

La serie si chiamerà ‘Disenchantment’ e avrà un ambientazione medievale nel regno di ‘Dreamland’. Tra i protagonisti dovrebbero invece figurare una giovane principessa ubriacona, un elfo molto vivace, ma anche orchi, spiriti e arpie, insieme a “molti stupidi umani”, come ha commentato la stessa Netflix.

Matt Groening (foto Olycom)

“Disenchantment riguarderà la vita e la morte, l’amore e il sesso, e come continuare a ridere in un mondo pieno di sofferenze e idioti, nonostante ciò che gli anziani, i maghi e gli altri incidenti vi dicono”, ha commentato Groening.

A produrre i 20 episodi sarà The Ululu Company, mentre l’animazione sarà curata da Rough Draft Studios. Nelle vesti di produttori esecutivi, accanto a Groening, ci sarà anche Josh Weinstein, che sul curriculum conta anche collaborazioni come consulente per la serie ‘Futurama’.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer