Chi trova le notizie attraverso i social o i motori di ricerca non ricorda il nome del sito che ha pubblicato il contenuto. Lo studio del Reuters Institute: l’età e i temi trattati tra i fattori che incidono sulla capacità di memorizzare l’origine di una news (INFOGRAFICHE)

Chi trova le news passando dai social o dai motori di ricerca è più propenso a ricordare la piattaforma sulla quale legge una notizia piuttosto che la testata dalla quale è stata pubblicata. Lo sostiene uno studio del Reuters Institute. Stando ai dati – ripresi e sintetizzati dal sito NiemanLab, solo il 37% di chi arriva ad un contenuto passando dai motori di ricerca e il 47% di chi trova una storia da Facebook & co., 2 giorni dopo è in grado di ricordare il nome del sito su cui l’ha letta. Al contrario, l’81% di chi arriva direttamente al contenuto sa indicare correttamente la testata che l’ha proposto.

 

Allo stesso tempo il 57% degli interpellati ricorda le notizia trovate attraverso i motori di ricerca e il 67% quelle individuate attraverso i social, soprattutto nel caso in cui si sia passati da Facebook.

“Il fatto che le persone tendano a ricordare le piattaforme dove trovano i contenuti piuttosto che i siti in cui li hanno letti potrebbe essere un problema per molti editori”, hanno commentato Antonis Kalogeropoulos e Nic Newman, autori della ricerca, sottolineando come questo dia la possibilità a brand più deboli di puntare sull’uso dei social, sviluppando un approccio alternativo.

Tuttavia, secondo il Reuters Institute organizzazioni editoriali con brand forti – come la Bbc, Guardian o il Telegraph – riescono comunque a differenziarsi e ad essere riconosciuti dagli utenti online.

Sui social particolarmente rilevante è il peso di BuzzFeed. “Il portale ha costruito la sua reputazione producendo contenuti distintivi per Facebook e altre piattaforme di distribuzione”, hanno spiegato gli autori dello studio, sottolineando come il suo logo, ma anche i colori, o i formati utilizzati lo rendono facilmente riconoscibile sopratutto tra i lettori under 35.

Secondo lo studio, la capacità di ricordare il sito da cui si è letta una notizia dipende anche dal coinvolgimento maggiore o minore che si ha con quel sito, indipendentemente dal fatto che si arrivi ad un contenuto passando dai social o altri mezzi.

Così come dipende anche dal tema trattato. Ad esempio notizie di politica o dai contenuti strani vengono più facilmente associate alla fonte d’origine.

Infine altro fattore determinante è l’età. Gli utenti sotto i 35 anni, normalmente più abituati ad usare i social e internet rispetto ad altre categorie più adulte, tendono a ricordare meglio la fonte di una notizia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza