Gli editori digitali americani scelgono le newsletter per segnalare notizie e contenuti ai loro lettori. I dati Pew Research: il 97% ne ha almeno una e solo il 61% punta sulle app (INFOGRAFICHE)

Nel 2017 il mezzo più scelto dagli editori ‘nativi digitali’ per comunicare ai lettori notizie e contenuti sono le newsletter. A segnalarlo uno studio del Pew Research Center, pubblicata a inizio agosto, che ha messo a fuoco proprio le scelte adottate dai siti di news americani che sono nati direttamente sul web – e che cioè non sono legati a pubblicazioni cartacee o broadcaster – nel periodo tra ottobre e dicembre del 2016.

Prendendo in considerazione 36 portali che in media registrano ogni mese più di 10 milioni di utenti unici, dall’analisi è emerso che la maggior parte di questi (61%) ha un’app mobile per Android o iOs. Il 42% dei siti è presente su entrambi i sistemi operativi per mobile, mentre il 17% ha scelto di puntare esclusivamente sulla piattaforma per Apple e il 3% ha un’app solo per Android.

(La presenza dei siti di news digitali su app)

Tra le altre strategie  utilizzate per allargare il numero dei lettori, spicca la preferenza accordata alle newsletter, scelta dal 97% dei siti considerati. Il 92% di questi è poi presente su Apple News; tre quarti realizza podcast e il 61% consente di commentare i propri contenuti.

(Le proposte dei siti di news)

I social sono poi considerati una parte molto importante. Praticamente tutti i portali hanno account Facebook e Twitter (100%), il 97% è presente su YouTube e il 92% su Instagram. Molto più limitata la presenza su SnapChat, dove solo il 25% ha un canale o account ufficiale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Radio Italia si rifà il look. Il rebranding presentato il 27 giugno con due giorni di ‘autogestione’ dei cantanti

Radio Italia si rifà il look. Il rebranding presentato il 27 giugno con due giorni di ‘autogestione’ dei cantanti