Radio Subasio entra nel polo radiofonico di Mediaset con un accordo da 25 milioni (+bonus)

Dopo l’annuncio di Pier Silvio Berlusconi, in occasione della presentazione dei palinsesti televisivi della prossima stagione, Radio Subasio, l’emittente del Centro Italia, entra formalmente in Radio Mediaset. Stando a quanto riportato ieri da Radiocor Plus, l’accordo è stato siglato nei giorni scorsi, sancendo il passaggio di Radio Subasio Srl e di Radio Aut srl al polo radiofonico di Mediaset, che già comprende R101, Radio 105 e Virgin oltre ad avere una partnership con Radio Monte Carlo, per un corrispettivo di 25 milioni di euro.

A vendere le due società, cui fanno capo Radio Subasio, Radio Subasio+ e Radio Suby, sono stati Rita e Marco Settimi, figli del fondatore che negli anni 70 lanciò l’emittente.

Pier Silvio Berlusconi

Pier Silvio Berlusconi

Il contratto, che da Cologno verrà ufficializzato a settembre, prevede che Mediaset versi ai venditori altri 5 milioni complessivi nel caso in cui le emittenti del gruppo – e in particolare R101, Radio105 e Subasio – raggiungano nei prossimi anni alcuni obiettivi specifici di ascolto nelle regioni di Lazio, Campania, Umbria, Toscana e Marche.

In particolare, i primi 3 milioni aggiuntivi dovranno essere pagati da Radio Mediaset se nel 2018 gli ascoltatori del quarto d’ora medio toccheranno almeno quota 300mila. Ulteriori 2 milioni saranno corrisposti se nel 2020 tale questo livello di ascolto si attestasse almeno a 325mila, sempre nel quarto d’ora medio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza