WhatsApp si apre ai pagamenti via chat. Secondo rumor in fase di sperimentazione la funzione payments per consentire agli utenti di inviare soldi ai propri contatti attraverso i messaggi

WhatsApp sempre più vicina ai pagamenti elettronici, per dare la possibilità ai suoi utenti di inviare, oltre ai messaggi, anche denaro ai propri contatti. In una nuova versione beta per Android, in fase sperimentale, sarebbe stato avvistato in rete il supporto a Payments, un sistema di pagamento sfruttabile dagli utenti. Dovrebbe trattarsi di una modalità per trasferire denaro tramite UPI (Unified Payments Interface), da banca a banca.

Un servizio simile in Cina è già offerto dall’app WeChat, e aprendosi ai pagamenti WhatsApp seguirebbe la strada già presa per ora solo negli Stati Uniti da Facebook Messenger, altra chat dell’universo di Mark Zuckerberg.

Jan Koum, ceo di WhatsApp

Jan Koum, ceo di WhatsApp

Indiscrezioni sui pagamenti via WhatsApp erano già emerse ad aprile scorso, quando sembrava che la sperimentazione e il lancio della funzione dovesse avvenire in India.

Secondo gli ultimi dati, WhatsApp ha raggiunto il traguardo di un miliardo di utenti giornalieri, mentre si è allargata a 1,3 miliardi la base mensile. Ogni giorno, ha reso noto la chat sul suo blog, gli utenti si scambiano 55 miliardi di messaggi. Le foto condivise quotidianamente sono 4,5 miliardi; 1 miliardo i video.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini