L’email resta il mezzo prediletto dagli investitori americani per comunicare con i propri clienti. L’analisi eMarketer: risultati e performance stabili la chiave del successo (INFOGRAFICHE)

Nonostante la presenza di diverse piattaforme di messaggistica, le mail continuano a essere considerate dai marketers americani uno tra i principali canali per raggiungere i propri clienti e conquistare nuove fette di mercato. Stando ai dati raccolti nel maggio scorso dalla DMA, The Data & Marketing Association, e ripresi in un’analisi del sito eMarketer, la preferenza accordata all’utilizzo della posta elettronica è trasversale tra i diversi settori industriali. A svettare in particolare quelli del farmaceutico ed healthcare, e del turismo, all’interno dei quali tutti scelgono le mail come mezzo per comunicare con il proprio target di riferimento. Anche settori come il mondo delle noprofit (96%), dell’editoria e dei media (93%) e dei servizi b2b (90%) hanno manifestato una particolare preferenza per l’email marketing. Tra gli altri ambiti industriali, nel settore retail risulta più circostricco l’uso delle mail, anche se si attesta all’80%, rivelando comunque una certa vitalità.

(infografica ripresa dal sito eMarketer)

Davanti alle previsioni di crescita sempre più evidenti del numero di mail inviate ogni giorno – che secondo alcune proiezioni dovrebbe aggirarsi attorno al 4,4% annuale – continua a crescere anche il budget destinato a queste attività di marketing. Al punto che già nella seconda metà del 2016 il 58% degli investitori americani aveva pianificato di aumentare le risorse destinate al mezzo per il 2017.

(infografica ripresa dal sito eMarketer)

A motivare la costante attenzione i risultati ottenuti. Stando a una ricerca di Econsultancy dello scorso aprile, il 73% degli investitori ha parlato di un roi molto forte generato nell’anno dal canale, con tassi che superano qualsiasi altro strumento di marketing, seo compreso.

Chiaramente, la posta elettronica continua anche a produrre entrate, che, secondo una relazione di giugno di OneSpot, dovrebbero aggirarsi attorno al 21% dei ricavi totali nel secondo trimestre del 2017, con una crescita annuale del 17%.

“Nonostante la convinzione secondo cui piattaforme più recenti cannibalizzeranno l’audience delle email, in generale i più giovani rimangono fedeli alle mail”, ha concluso Jillian Ryan, sottolineando come “poiché il volume di posta elettronica cresce sempre di più ogni anno, è probabile che gli utenti stiano diventando più precisi nelle loro richieste di messaggi personalizzati”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pubblicità, quest’anno il calo dei ricavi sarà del 17,4%. Una: nel 2021 il rimbalzo colmerà due terzi del crollo

Pubblicità, quest’anno il calo dei ricavi sarà del 17,4%. Una: nel 2021 il rimbalzo colmerà due terzi del crollo

Il Covid ha accelerato il passaggio all’adv digitale. Zenith: ripresa nel 2021, ma sui media tradizionali investimenti non omogenei

Il Covid ha accelerato il passaggio all’adv digitale. Zenith: ripresa nel 2021, ma sui media tradizionali investimenti non omogenei

TOP 15 INFLUENCER. A giugno di Ferragni, Fedez e Vacchi i post più popolari (e pagati). New entry Vasco Rossi, Sfera Ebbasta e Marta Losito

TOP 15 INFLUENCER. A giugno di Ferragni, Fedez e Vacchi i post più popolari (e pagati). New entry Vasco Rossi, Sfera Ebbasta e Marta Losito