L’esecutivo Usigrai al dg Orfeo: il tema delle risorse è ineludibile. Speriamo ci sia un confronto reale

“L’Usigrai è pronta da anni a discutere una profonda riforma editoriale delle news della Rai”. Così una nota dell’esecutivo dell’Unione sindacale dei giornalisti Rai, che fa seguito all’intervista del dg Orfeo a ‘Repubblica‘, in cui si legge: “ci auguriamo che questa volta si faccia sul serio e che finalmente l’azienda ci proponga un confronto reale su un progetto credibile. In questo quadro recuperare il gap sul web e i social è vitale: ritardi su questo fronte sarebbero inspiegabilie e metterebbero a rischio il futuro della Rai”.

“Al direttore generale diciamo”, prosegue la nota, “che guardiamo con grande preoccupazione al Contratto di Servizio: il tema delle risorse è ineludibile. Come lui stesso ha ammesso, la riforma del canone ha portato benefici reali e duraturi alle casse dello Stato ma non a quelle della Rai. In questo Contratto serve la svolta: agli impegni – auspichiamo crescenti, e con una forte impronta di innovazione – del Servizio Pubblico, devono corrispondere risorse economiche certe, adeguate e di lunga durata”.

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mic):  in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Franceschini (Mic): in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi