Il governo britannico nicchia sull’offerta di Murdoch per Sky. All’elettorato non piace la vicinanza dell’emittente all’attuale inquilino della Casa Bianca. Attesa per questa settimana una dichiarazione del ministro Bradley

L’offerta di Fox per Sky finirà presto all’esame dell’Antitrust britannico (Cma). Secondo quanto riporta il ‘Guardian‘, infatti, il parere dell’Autorità garante delle comunicazioni (Ofcom) è in dirittura e sarà composto di tre parti: impatto dell’operazione sulla pluralità nel settore media, broadcasting standard e un report sulla famiglia Murdoch, che controlla 21st Century Fox, se sia o meno adatta come proprietario di Sky. Il ministro della Cultura, Karen Bradley, riferisce il quotidiano britannico, inoltrerà poi il fascicolo all’Antitrust per la parte che concerne la pluralità dell’informazione, non quella più tecnica sui broadcasting standard.

Una dichiarazione del governo sulla vicenda era attesa già per questa estate, ma il ministro Bradley non ha ancora parlato – secondo il ‘Guardian’ lo farà questa settimana – perché starebbe sondando gli umori dell’elettorato britannico, in parte propenso a considerare Fox News troppo vicino all’attuale presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump.

Intanto, 21st Century Fox ha spento Fox News su Sky Uk, spiegando che il canale è focalizzato sul mercato americano e che non è di rilevante interesse commerciale trasmetterlo nel Regno Unito. Ma i malumori, secondo il Guardian, sono in aumento in casa Murdoch.

Karen Bradley, ministro della cultura inglese (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza