Dopo i Festival targati Carlo Conti, la Rai potrebbe pensare anche a un Sanremo con più presentatori. Ipotesi Claudio Baglioni per la direzione artistica

Claudio Baglioni verso la direzione artistica di Sanremo. E’ l’ipotesi alla quale si lavora su Rai1 per costruire il ‘nuovo’ festival dopo l’era Conti. La scelta, come spiegano oggi La Stampa e Il Secolo XIX, sarebbe caduta su un nome in grado di sparigliare le carte dopo tre edizioni da ascolti record. L’idea sarebbe di affidare a Baglioni anche un ruolo da ‘capitano giocatore’ in una squadra di più conduttori.

L’artista, che si è già messo in gioco con Fabio Fazio in ‘Anima mia’ e che l’anno prossimo festeggerà 50 anni di carriera, potrebbe portare la sua esperienza sul palco, insieme ad altri due o tre volti, provenienti dal mondo del cinema, della comicità, della stessa canzone, in un gioco a più voci destinato a sostituire lo schema del conduttore ‘classico’.

Claudio Baglioni (foto Olycom)

Con un festival ancora tutto da costruire, in ritardo rispetto agli anni scorsi, impazza il toto-nomi, da Fabrizio Frizzi a Virginia Raffaele. Quest’ultima, però non dovrebbe far parte della squadra, così come sarebbe da escludere la presenza all’Ariston di Amadeus e Antonella Clerici, altri nomi circolati nelle scorse settimane. In ogni caso, ribadisce anche l’agenzia Ansa, la multi-conduzione è ancora un’ipotesi ‘in progress’.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Festival di Sanremo: 5 ore di show (“ma senza trucco per fare ascolti”), i primi big e le nuove proposte, Ibrahimovic, Coccoluto…

Festival di Sanremo: 5 ore di show (“ma senza trucco per fare ascolti”), i primi big e le nuove proposte, Ibrahimovic, Coccoluto…

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale