Il contratto di produzione con ‘Officina’ per ‘Che tempo che fa’ e alcune nomine interne sul tavolo del Cda Rai in programma oggi

All’ordine del giorno del Cda della Rai in corso stamattina – oltre al voto sul pacchetto Fazio (il contratto di appalto ad Officina per la produzione di Che tempo che fa della durata di un anno e il contratto di cessione del format alla Rai per quattro anni) ci sarebbero in ballo alcune nomine che vanno a coprire buchi scoperti dell’organigramma aziendale.Sarebbero tutte nomine interne. Si parla infatti della nomina di Giuseppe Pasciucco a nuovo chief finanzial officer in sostituzione di Raffaele Agrusti che ha lasciato la
Rai già da diversi mesi. Pasciucco è attualmente il numero due della direzione finanziaria della Rai quale direttore della Pianificazione e controllo, ruolo che dovrebbe essere
affidato parallelamente a Marco Brancadoro attuale direttore della direzione asset immobiliari e servizi.

(foto Olycom)

L’altra nomina in ballo dovrebbe essere quella di Stefano Ciccotti a nuovo chief technology officer che era la posizione ricoperta da Valerio Zingarelli che è uscito a giugno dalla Rai per la scadenza del contratto.

Tornando al tema Fazio, l’Anac ha inviato una lettera alla presidente Monica Maggioni per chiedere chiarimenti sull’applicazione del codice di autoregolamentazione per i compensi degli artisti, in relazione al contratto di Fazio. E ora l’azienda ha un mese di tempo per rispondere e fornire la documentazione richiesta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Kantar, Alexis Nasard nominato global ceo

Kantar, Alexis Nasard nominato global ceo

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Barachini su Auditel-Censis: Rai deve valorizzare patrimonio culturale e identitario del Paese e contribuire a formare pensiero critico degli italiani

Barachini su Auditel-Censis: Rai deve valorizzare patrimonio culturale e identitario del Paese e contribuire a formare pensiero critico degli italiani