Facebook punta a rientrare in Cina e nomina l’ex funzionario William Shuai per gestire le relazioni con Pechino

Facebook punta a rientrare in Cina e per farlo ha assunto William Shuai, ex funzionario cinese, per gestire le relazioni con Pechino. Shuai arriva dalla divisione cinese di LinkedIn (che a differenza di altre tech company ha accettato le regole del paese per assicurarsi una fetta del mercato), dove ricopriva lo stesso ruolo e si occupava della gestione delle relazioni con i governi locali, e compiti simili ha ricoperto in precedenza anche in Baidu, il principale motore di ricerca del Paese.Shuai lavorerà a fianco di Wang-Li Moser, responsabile delle operazioni in Cina, che dal 2014 ha il compito di consolidare le relazioni con il governo.

In Cina Facebook è bloccato dal 2009 a causa dei timori del governo sulla capacità che i social hanno di agitare gli animi. Tuttavia Mark Zuckerberg crede che il Paese rappresenti un mercato cruciale per la crescita della società, ed è per questo che sta lavorando da anni per un ritorno sulle scene. Attualmente il social opera nel Paese tramite altri business: ad esempio nel 2015 ha aperto un ufficio a Shanghai per Oculus, la divisione per la realtà virtuale che si occupa di produrre il dispositivo Rift.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio.  Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio. Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”