Gwyneth Paltrow in topless e coperta di fango per lanciare il suo magazine Goop

In topless, con un fisico impeccabile e coperta di fango. Così appare Gwyneth Paltrow, 44 anni, nello scatto social con cui lancia il suo magazine “Goop”. La rivista prende il nome dal suo sito di benessere, dal quale l’attrice dispensa consigli e trucchi di bellezza e lifestyle e che, nel 2016, ha realizzzato 700 mila iscritti e 1 milione di visitatori unici al giorno.

Forma fisica al top per l’attrice, che dimostra così, mostrandosi senza veli, ma coperta di fango, che vivere e mangiare bene rende belli. Davvero. L’ex moglie di Chris Martin, che il 27 settembre festeggerà 45 anni, annuncia che la rivista uscirà il 19 settembre e svela al Daily Mail alcune anticipazioni sui contenuti. Come quello che riguarda la puntura d’ape e l’utilizzo del veleno dell’insetto a titolo curativo: “Ci si fa pungere dal dottore con un’ape viva, è come l’agopuntura. L’ho fatto sulla cicatrice del parto cesareo e adesso i segni si sono livellati…”.
Poche settimane fa Gwyneth era stata accusata di dispensare consigli ingannevoli sulla salute dal comitato di controllo a favore dei consumatori Tina, secondo cui il sito dell’attrice Goop avanza pretese mediche senza una base scientifica e per questo ha chiesto allo stato della California di bloccarlo. Ma l’accusa pare si sia risolta con un nulla di fatto. (Tgcom24)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti