La classifica dei 15 quotidiani più diffusi a luglio (carta+digitale) elaborata sui dati Ads. Corriere, Repubblica e Stampa stabili. Cala il Sole (-2%). Bene gli sportivi

La classifica dei quotidiani a luglio (.xls) per diffusione carta+digitale elaborata da Primaonline.it sui dati Ads. La graduatoria è realizzata comparando il dato appena diffuso da Ads con quello del mese precedente.

In una nota, la società ha ricordato che a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Ads edizioni digitali, è ripresa anche la comunicazione dei dati relativi alle copie multiple, con la verifica dell’esplicita volontà di fruizione della copia da parte dell’utente finale e l’adozione di evoluti strumenti tecnologici di controllo dell’avvenuta attivazione.

I dati relativi alle copie multiple gestite tramite intermediari sono disponibili a partire dai dati riferiti a luglio 2017 e comunque a completamento della prima fase del processo di accreditamento di ciascun soggetto.

E’ stata eliminata la soglia di prezzo prevista dal precedente regolamento: le copie digitali sono suddivise per fasce di prezzo e vengono rappresentate anche le copie digitali promozionali e omaggio per le quali sono previste le nuove regole di certificazione valide anche per le copie multiple.

Leggi o scarica la tabella con i dati dei quotidiani relativi al mese di luglio (.xls)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer