Anna Gavazzi, direttore generale in Obe – Osservatorio Branded Entertainment

Il 12 settembre 2017, Obe – Osservatorio Branded Entertainment, l’associazione che studia e promuove la diffusione sul mercato italiano del branded entertainment come leva strategica per la comunicazione integrata di marca, ha annunciato l’ingresso di Anna Gavazzi come direttore generale, carica che ricopre in modo effettivo dallo scorso giugno.

Laureata in scienze della comunicazione all’università Iulm di Milano, una laurea specialistica in televisione, cinema e produzione multimediale presso lo stesso ateneo, Gavazzi ha lavorato in Mediaset, dal 2003, conseguendo il master in management ‘Campus Multimedia’. Successivamente il passaggio in Sky Italia, dove dal 2004 al 2006 si è occupata della costruzione dei palinsesti e della gestione delle azioni promozionali on air.

Nel 2006 l’arrivo in Telecom Italia, gruppo nel quale ha ricoperto diversi incarichi, prima nel marketing delle controllate Matrix e Telecom Italia Media – dove ha collaborato al lancio delle piattaforme Web TV e IPTV -, poi nelle divisioni consumer communication e brand strategy & media di Telecom Italia, dove ha lavorato sul brand TIM, sia in ambito commerciale sia corporate.  Recentemente Gavazzi si è dedicata in particolare alla definizione di strategie di content marketing, realizzando per Telecom Italia diversi progetti di branded content & entertainment, e ricoprendo il ruolo, dal 2014 al 2016, di head of content della testata giornalistica LIVEonTIM.

Anna Gavazzi

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Dal Tribunale di Madrid primo round legale a favore di Perez e Agnelli: no a veti di esclusione dei club che promuovono la Superlega

Dal Tribunale di Madrid primo round legale a favore di Perez e Agnelli: no a veti di esclusione dei club che promuovono la Superlega

Superlega. Uefa tratta con un fondo investimento UK per creare una Champions da 7 miliardi di euro

Superlega. Uefa tratta con un fondo investimento UK per creare una Champions da 7 miliardi di euro

Nella TOP 20 SQUADRE INTERNAZIONALI PIÙ SOCIAL, 11 sono nella Superlega. Sensemakers: corrispondenza tra attività social e capacità di monetizzazione

Nella TOP 20 SQUADRE INTERNAZIONALI PIÙ SOCIAL, 11 sono nella Superlega. Sensemakers: corrispondenza tra attività social e capacità di monetizzazione