Analisi ascolti tv 12 settembre: vince la Champions League, si difende bene ‘Il paradiso delle signore’. Con il calcio in auge, Berlinguer batte Floris grazie a Insinna e Camilleri. Belpietro batte Gruber, Vespa stacca Porro

Contro la Champions League e contro Mediaset, che ieri ha schierato ‘Roma-Atletico Madrid’ su Canale 5 (4 milioni circa e 16,5%) e ‘Barcellona-Juventus’ su Premium (918mila spettatori e 3,8%), Rai 1 si è difesa bene: ‘Techetechete’ ha fatto meglio del primo tempo del match in chiaro e subito dopo la fiction ‘Il Paradiso delle signore 2’ ha complessivamente ottenuto meno spettatori ma più share (3,650 milioni di spettatori ed il 16,7%) dell’incontro dell’Olimpico. Il successo del calcio, la forza della proposta dell’ammiraglia pubblica hanno influenzato pesantemente i risultati delle altre reti. Su Rai2 il telefilm ‘Criminal Minds’ ha conseguito 1,3 milioni di spettatori ed il 6,2% battendo un po’ a sorpresa, grazie al pubblico fidelizzato, il film in prima tv su Italia1 (‘Tutto può cambiare’ ha conquistato 1,271 milioni e 5,61%). Ascolti quasi dignitosi li ha portati a casa la pellicola di Rete 4 (‘Duplicity 874mila e 4,14%), mentre molto male sono andati i talk di approfondimento politico.

Con la massima competizione europea di calcio che impegnava Juve e Roma ad attrarre la maggior parte del pubblico maschile, sono stati esigui sia i risultati di ‘#Cartabianca’ (a 878mila spettatori 4,2% su Rai3) che quelli di ‘DiMartedì’ (836mila spettatori e 4,13% su La7). Molto sotto media, in particolare, rispetto alle trasmissioni dello scorso anno, è rimasto Giovanni Floris. Nella prima sfida con l’eterno rivale, Bianca Berlinguer ha schierato Flavio Insinna (divenuto inviato) che ha aperto il programma, e poi ha sciorinato, tra gli altri, Andrea Orlando, Giorgia Meloni, Valeria Fedeli ed Ezio Mauro, chiudendo con una lunga intervista ad Andrea Camilleri. Dall’altro lato della barricata, Floris è partito con Salvatore Accardo in sigla, ha quindi aperto con Mario Monti, prima di proporre la nuova copertina comica di Gene Gnocchi e, quindi, i passaggi, prima della solita zona green-salute delle 23.00 circa, di Marco Travaglio, Elsa Fornero, Matteo Salvini, Alessandra Moretti, Massimo Giannini, Vittorio Zucconi. Come è andata? In testa è partita la terza rete, con Insinna che ha vinto in maniera schiacciante il confronto contro Monti; poi Floris ha rimontato con la copertina comica di Gnocchi (4,1% il picco durante l’intervallo della Champions League) ed è rimasto in vantaggio finché non è iniziato lo zapping da Rai1, Rai2 e Canale 5. A quel punto ‘Cartabianca’ ha vinto il confronto con l’intervista ad Andrea Camilleri che è arrivata a sfiorare la leadership parziale con un picco di quasi il 10% di share.

In seconda sera questi gli equilibri, con allagamenti e violenze quali temi chiave dell’approfondimento notturno: ‘Porta a Porta’ è stato seguito da 854mila spettatori con il 10,4% di share; ‘Matrix’ ha avuto una media di 658mila spettatori con uno share del 7,9%; ‘Linea Notte’ ha attratto 394mila spettatori con il 4,6%.

In access Maurizio Belpietro ha battuto Lilli Gruber: su Rete4 ‘Dalla Vostra Parte’ (bollette pazze il tema) ha convocato 1,059 milioni di seguaci (4,4%), mentre su La7 ‘8 e Mezzo’ (Piero Fassino, Andrea Segre e Stefano Zurlo gli ospiti) ha convinto 965mila spettatori (4%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’  lo difende

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’ lo difende