Facebook rassicura gli inserzionisti: nessuno spot finirà all’interno di video sgradevoli

Facebook rassicura i suoi 5 milioni di inserzionisti sul tipo di post a cui vengono associate le loro pubblicità. Il social network ha introdotto gli “standard di idoneità alla monetizzazione”: una lista di contenuti che editori e creatori devono evitare – dalla pornografia ai messaggi razzisti – se vogliono intascare una fetta delle entrate pubblicitarie. La mossa di Facebook arriva dopo i problemi che nella primavera scorsa hanno colpito YouTube, abbandonata temporaneamente da alcuni inserzionisti dopo che i loro spot erano stati casualmente associati a filmati con contenuti estremisti. Se chi pubblica video e articoli su Facebook vuole continuare a guadagnare con le inserzioni, deve stare all’interno delle linee guida pubblicate dal social network. Immagini e testi non devono raffigurare minorenni che fumano e persone che fanno uso di droghe o praticano attività illegali, ad esempio. Occorre evitare filmati violenti, pulp e pornografici. Le linee guida, inoltre, mettono al bando il linguaggio scurrile e offensivo, i messaggi d’odio, il razzismo e la discriminazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza