Non si sta più in piedi con giornalisti che prendono stipendi da 180mila euro, ereditati da Rcs e Prs. Daniela Santanchè replica alle proteste dei redattori di Novella e Visto: il mondo dell’editoria è cambiato, non cedo ai ricatti

Daniela Santanchè intervistata da Radio Cusano Campus e Tag24 ha affrontato anche il tema legato alla sorte dei magazine Visto e Novella2000. Periodici del Gruppo Visibilia  che fanno capo alla deputata di Forza Italia, messi questa estate in liquidazione destinando al licenziamento  tutti i dipendenti, 14 tra giornalisti e impiegati. 

Rispondendo  alle proteste dei giornalisti di Novella e Visto, nell’intervista alla web radio  ha detto: “a loro rispondo che il mondo dell’editoria è cambiato. Da Sky al Corriere della Sera, al Sole 24 Ore. Questi sono giornalisti che non è che guadagnino 1200 euro al mese, che è lo stipendio medio dagli italiani. Sono giornalisti che ho ereditato da RCS e da PRS con stipendi importanti. Oggi le copie sono diminuite. La pubblicità anche, per fare dei giornali liberi bisogna saper stare sul mercato con i conti i ordine”.

Daniela Santanchè (foto Olycom)

“Se c’è ragionevolezza si possono trovare degli accordi, altrimenti l’imprenditore ha l’obbligo di rendere liberi i giornali con i bilanci in ordine. Io andrò avanti per la mia strada perché la mia strada è giusta. Molti altri editori la stanno percorrendo, magari hanno un cognome diverso dal mio e quindi nessuno ne parla. Sono a posto con la coscienza, lavoro 15 ore al giorno, faccio tutto quello che devo fare, credo nell’editoria e continuo a credere nei giornali. Continuo a investire, ma se non si prende coscienza che un certo mondo dell’editoria non può più stare in piedi, che non si possono più avere stipendi da 180.000 euro, che oggi bisognerebbe sedersi a un tavolo ed essere coscienti del tempo che si vive, non si va da nessuna parte. Stanno tanto di ricattarmi ma io me ne strafrego”.

“Faccio l’imprenditore, voglio che i bilanci siano in ordine, mi possono ricattare, scrivere comunicati, rivolgersi a Berlusconi, ma io ho la schiena dritta, vado avanti fino in fondo, perché ho il dovere di pagare i miei debiti. Sono serena, mi facciano finire tutti i giorni sui giornali, non me ne può fregare di meno. Sono dalla parte giusta e continuo a fare quello in cui credo, nel mio modo, dando ascolto a tutti e poi decidendo in prima persona, perché i soldi sono miei e decido io cosa farne”.

Clicca qui per ascoltare l’audio integrale

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’  lo difende

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’ lo difende