Stati Uniti e Regno Unito al contrattacco sugli influencer: più chiarezza verso i consumatori nel distinguere i consigli dalle pubblicità social

Gli istituti garanti dei consumatori di Regno Unito e Stati Uniti hanno messo nel mirino gli influencer. Come spiega il ‘Guardian‘, infatti, a destare preoccupazione tra gli utenti dei social network è soprattutto l’assenza di un confine chiaro tra dove finiscono i “consigli sinceri” di questi campioni di follower e dove comincia la “pubblicità” vera e propria. Oltre che la scarsa trasparenza da parte di essi. Nel Regno Unito, per esempio, vige l’obbligo di utilizzare l’hashtag #ad or #spon. E anche gli Usa stanno provando a suggerire l’utilizzo di #sponcon (che sta per contenuto sponsorizzato), ma non basta: il 935 dei post su Instagram ne è privo. Proprio Instagram potrebbe essere il primo social ad adottare una policy interna per i contenuti sponsorizzati degli influencer.

Kylie Jenner (Foto: Instagram)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’  lo difende

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’ lo difende