Venerdì arrivano le licenze per la sperimentazione del 5G. A Vodafone, Wind-Tre-Open Fiber e Tim-Fastweb-Huawei

Saranno concesse venerdì prossimo, 22 settembre, le autorizzazioni per l’assegnazione del diritto d’uso di 100 Mhz nella porzione di spettro 3.6-3.8Ghz per la sperimentazione del 5G in 5 città. Ne dà notizia il Mise, aggiungendo che Vodafone Italia opererà a Milano, Wind Tre-Open Fiber a Prato e L’Aquila, Telecom Italia-Fastweb-Huawei Technologies Italia a Bari e Matera. La sperimentazione andrà avanti fino al 2020. Si tratta, spiega la nota, “dell’ultimo significativo passaggio prima dell’avvio della sperimentazione della tecnologia mobile di quinta generazione che segue di qualche giorno la conferma della classifica dei migliori progetti, a cui nel corso delle ultime settimane sono stati richiesti e apportati correttivi e miglioramenti”. Con l’approvazione definitiva dei progetti vincitori, si è così conclusa la procedura di selezione avviata dal Mise con la pubblicazione del bando pubblico del 16 marzo relativo alla sperimentazione del 5G in 5 città.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Kantar, Alexis Nasard nominato global ceo

Kantar, Alexis Nasard nominato global ceo

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Barachini su Auditel-Censis: Rai deve valorizzare patrimonio culturale e identitario del Paese e contribuire a formare pensiero critico degli italiani

Barachini su Auditel-Censis: Rai deve valorizzare patrimonio culturale e identitario del Paese e contribuire a formare pensiero critico degli italiani