Non siamo capaci di creare un Ott europeo però critichiamo Netflix. Denuncia del sottosegretario alle Comunicazioni, Giacomelli: per i giganti digitali sì a regole Ue condivise, no a soluzioni gladiatorie

Sì a ”regole condivise” in Europa da far osservare ai giganti di Internet, ma no alle ”soluzioni gladatorie” suggerite da Germania e Spagna. E’ il sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli, a osservare che ”in Europa c’è una reazione preoccupata, una tentazioni di rispondere con la  chiusura” agli Over the top, gli Ott che dominano la rete.

Antonello Giacomelli

In un convegno promosso da Unioncamere, Giacomelli sottolinea che ”le regole occorrono e vanno fatte rispettare. Ma la realtà è che gli Ott non sono l’impero del male, occorre confrontarsi e trovare insieme le soluzioni”.”Siamo contrari -afferma- alle posizioni come quelle espresse da Germania e Spagna che hanno in mente soluzioni gladatorie”.

“Occorre accettare la sfida sul nuovo terreno: non è possibile che non siamo capaci di far nascere un Ott europeo e ci limitiamo a mettere regole per quelli che nascono altrove. È impensabile che non si riesca a creare una piattaforma europea capace di realizzare e diffondere prodotti audiovisivi. Pero’ poi critichiamo Netflix”.  Il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli aggiunge:  ‘Ultranet. Banda ultralarga, Italia ultramoderna’ promosso da Unioncamere il cui progetto Ultranet è risultato vincitore del bando lanciato dal Mise alla fine del 2016.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti