“Come attore sono più credibile di 20 anni fa”, dice Gianni Morandi che torna in tv su Canale 5: è momento giusto per la fiction

“Sì è vero, sono vent’anni che non faccio una fiction. Ho fatto tante altre cose, ma adesso credo di avere la faccia giusta per una fiction come questa”. Lo ha detto Gianni Morandi, il protagonista della fiction ‘L’isola di Pietro’ in onda per sei puntate dal 24 settembre in prima serata su Canale 5. Presentata a Milano, la fiction è ambientata nell’isola sarda di Carloforte e Gianni Morandi è Pietro, un pediatra vedovo, che trascorre la sua vita tra l’ospedale e le corse mattutine sulla spiaggia. La storia ha ovviamente risvolti drammatici e di suspense.

Realizzata da Lux Vide per la regia di Umberto Carteni, la fiction segna il ritorno al genere di Gianni Morandi dopo quasi vent’anni. “E’ un grande orgoglio e una grande emozione – ha detto il direttore di rete Giancarlo Scheri – avere di nuovo tra noi un artista così, in una storia da offrire ai telespettatori, perché la gente ha voglia di vedere raccontate delle belle storie”.

“Prima non avevamo mai trovato la storia e l’occasione giusta, io ho fatto tante cose – ha spiegato Morandi durante la presentazione della serie -, questo era momento giusto per riprovarci, sono quasi più credibile adesso di 20 anni fa, ho la faccia più vissuta”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti