Usciamo dal Salone del libro ma non cambia niente. Così il ministro Fedeli sulla decisione di Miur e Mibact di lasciare la Fondazione

“Abbiamo deciso di uscire, perché da un punto di vista istituzionale per noi ha più senso sostenere il Salone del Libro piuttosto che stare nella governance. Ma dal punto di vista economico e organizzativo non cambia nulla”. Lo afferma la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, commentando l’uscita del Miur e del Mibact dalla Fondazione per il Libro, l’ente promotore del Salone del Libro. “Per noi il problema a livello nazionale è di allargare il numero dei lettori in Italia, dove si legge soprattutto negli anni della scuola dell’obbligo – aggiunge la ministra Fedeli a margine del G7 della Scienza alla Reggia di Venaria -. Poi c’è un calo forte del numero dei lettori ed è lì che dobbiamo agire, allargando le nostre attività. Il Salone del Libro, come anche Tempo di Libri, rientrano in questa visione. Per noi collaborare con Torino e con Milano – conclude – ha questo significato”.

Valeria Fedeli (Foto: Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza