Papa Francesco sceglie le fake news come tema per la prossima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Anche la Chiesa vuole dare un contributo, scrive la Santa Sede, per promuovere un giornalismo che cerca la verità

“La verita’ vi farà liberi. Notizie false e giornalismo di pace”. Papa Francesco sceglie il tema delle fake news per la 52esima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2018. “Si tratta”, scrive in un comunicato della Segreteria per la Comunicazione, “di una distorsione spesso strumentale dei fatti, con possibili ripercussione sul piano dei comportamenti individuali e collettivi”. “In un contesto in cui le aziende di riferimento del social web e il mondo delle istituzioni e della politica hanno iniziato ad affrontare questo fenomeno, anche la Chiesa vuole offrire un contributo proponendo una riflessione sulle cause, sulle logiche e sulle conseguenze della disinformazione nei media e aiutando alla promozione di un giornalismo professionale, che cerca sempre la verità, e perciò un giornalismo di pace che promuova la comprensione tra le persone”.

Papa Francesco con i giornalisti in volo (foto Olycom)

La Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, ricorda ancora la nota, rappresenta “l’unica giornata mondiale stabilita dal Concilio Vaticano II (“Inter Mirifica”, 1963) e viene celebrata in molti paesi, su raccomandazione dei vescovi del mondo, la Domenica che precede la Pentecoste (nel 2018, il 13 maggio)”. Il testo del Messaggio del Papa viene invece tradizionalmente pubblicato il 24 gennaio, in occasione della ricorrenza di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti