Via libera dal Consiglio dei ministri al decreto per le quote cinema in tv. Più spazio obbligatorio in prima serata alle produzioni italiane. Franceschini twitta: norme che valorizzano la creatività

Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto per le quote tv. Il ministro della Cultura Franceschini twitta: “norme che valorizzano la creatività e il cinema italiano”. Al testo entrato in Consiglio dei ministri, secondo quanto apprende l’Ansa, sono state apportate alcune modifiche. Il decreto, che è un’appendice della Legge Cinema ed è stato presentato dal governo, riforma le norme a tutela della promozione delle opere europee e italiane da parte di fornitori di servizi di media audiovisivi. Con la riforma si obbligano le televisioni italiane ad aumentare la quota di film e fiction italiane messe in onda in prima serata e quindi gli investimenti obbligatori, pena forti sanzioni. Obblighi di programmazione e investimento imposti pure a Netflix e Amazon, recependo in anticipo la direttiva europea in corso di approvazione.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’  lo difende

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’ lo difende