Facebook intenzionata ad assumere 1000 nuovi ‘revisori’ per controllare le inserzioni e scovare quelle false

In scia al caso delle interferenze della Russia nella campagna elettorale statunitense – con le inserzioni che, secondo gli ultimi conti sarebbero state viste da circa 10 milioni di utenti – Facebook assumerà 1.000 nuovi dipendenti per revisionare le inserzioni pubblicitarie che appaiono sul suo sito. I nuovi revisori saranno assunti il prossimo anno e dovranno far sì che gli annunci pubblicitari che appaiono sulla piattaforma siano conformi alle politiche della compagnia.

Mark Zuckerberg (Foto: Olycom)

Il gigante dei social media continuerà a fare affidamento sulle segnalazioni degli utenti, ma per il futuro ha anche intenzione di richiedere agli inserzionisti, che vogliono pubblicare annunci relativi alle elezioni, di presentare una documentazione più approfondita, in cui confermano di lavorare realmente per determinate aziende e organizzazioni.

Non è comunque la prima volta che cerca di rispondere a una crisi aumentando le risorse di personale. A maggio, per esempio, la società aveva detto che avrebbe assunto altri 3.000 revisori di contenuto dopo che erano stati pubblicati dei video violenti sulla sua piattaforma social.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria: Franceschini: continuare a investire per avvicinare alla lettura; alla fine della pandemia avremo una stagione diversa e anche migliore

Editoria: Franceschini: continuare a investire per avvicinare alla lettura; alla fine della pandemia avremo una stagione diversa e anche migliore

Papa ai giovani: diffondete via social la parola di Dio e coinvolgete sul web i coetanei nella cura del Pianeta

Papa ai giovani: diffondete via social la parola di Dio e coinvolgete sul web i coetanei nella cura del Pianeta

Il Salone del Mobile di Milano si farà a settembre. Fondazione Fiera: segnale di ottimismo, settore vuole ripartire completamente

Il Salone del Mobile di Milano si farà a settembre. Fondazione Fiera: segnale di ottimismo, settore vuole ripartire completamente