Netflix aumenta i prezzi del 16,6%

Netflix alza i prezzi per i suoi abbonati. Si tratta del primo aumento in due anni da parte della società, che ritiene l’incremento dei prezzi giustificato dalla migliore qualità del servizio, a cominciare ad esempio dall’introduzione della modalità di visualizzazione offline. E se da un lato la mossa potrebbe permettere di far aumentare gli utili, dall’altro potrebbe comunque causare un rallentamento nella crescita del numero di abbonati.

Reed Hastings, fondatore di Netflix (foto Olycom)

La nota del gruppo precisa che, non è previsto un cambiamento di prezzo nel nostro piano base da 1 schermo, che resta di €7.99 al mese. Mentre dal 9 ottobre per il piano Standard (che permette di poter vedere Netflix su due dispositivi contemporaneamente, incluso l’HD dove disponibile) e per il piano Premium (che permette di vedere fino a quattro schermi contemporaneamente, HD e UHD incluse ove disponibili) è previsto un leggero aumento: di 1 euro, quindi € 10.99 per il piano Standard e di 2 euro, quindi € 13.99 per il piano Premium.

Mentre negli Stati Uniti l’aumento è scattato già dal 5 ottobre, in Italia – dove negli ultimi 2 anni, il numero di titoli disponibili è aumentato del 207% – sarà effettivo da lunedì 9. Stando a quanto segnalato su alcuni siti americani, la società inizierà a notificare agli attuali clienti il cambiamento a partire dal 19 ottobre.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti