Senza calcio ‘L’Isola di Pietro’ sale a 4,4 milioni di spettatori e share al 18,4%, allungando sul rivale ‘Che tempo che Fa’, stabile a 3,8 milioni e 17,8%

Domenica televisiva particolare, contraddistinta dal cordoglio per la morte di Aldo Biscardi, la sfortuna della Ferrari in Formula 1, la dose minima di calcio e di sport nei palinsesti. Senza il posticipo di Serie A a influire, in particolare,sul prime time, questi gli equilibri della partita tra Rai1 e Canale 5: su Canale 5 ‘L’Isola di Pietro’, con Gianni Morandi, Ninni Bruschetta, Cesare Bocci, Cecilia Dazzi, Chiara Baschetti nel cast Lux, è cresciuta di duecentomila spettatori, a quota 4,4 milioni e 18,4% di share.

Un momento dell’Isola di Pietro

Su Rai Uno la terza puntata di ‘Che tempo che Fa’, con Fabio Fazio affiancato da Luciana Littizzetto – e tra gli ospiti Enrico Brignano, Roberto Saviano e Godfred Donsah, Ghali ma anche l’inedito trio con Max Pezzali, Nek e Francesco Renga per la parte musicale, e tra le presenze al tavolo anche Cristina e Benedetta Parodi e Antonio Cabrini, – ha raccolto 4,5 milioni ed il 18,25% di share con la prima parte (fino alle 22.38) e quindi con il tavolo 2,885 milioni di spettatori e il 16,8% di share (nella media 3,863 milioni di spettatori ed il 17,8%).

Un momento di ‘Che tempo che fa’

Nel periodo in cui i due programmi sono andati in onda contemporaneamente, Morandi ha conquistato 4,387 milioni di spettatori e il 18,4%, mentre Fazio ha totalizzato 3,911 milioni di spettatori e il 16,4%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE. In aprile cala l’audience dei siti di news tranne per quelli food

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

Editoria, in Lombardia negli ultimi 40 giorni 65 editrici hanno aperto trattative  per cassa integrazione e solidarietà

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’  lo difende

In Germania giornalisti contro medici. La ‘Bild’ attacca il famoso virorolo Christian Drosten. Ma esagera e ‘Spiegel’ lo difende