Cambio di denominazione sociale per le due sgr controllate da DeA Capital

DeA Capital S.p.A. annuncia il cambio di denominazione sociale delle due Sgr controllate. IDeA Capital Funds SGR S.p.A., asset manager indipendente nel settore del private equity, assume la nuova denominazione di DeA Capital Alternative Funds SGR S.p.A, mentre IDeA Fimit SGR S.p.A., viene rinominata DeA Capital Real Estate SGR S.p.A.

La strategia di DeA Capital, spiega una nota stampa del gruppo, è quella di “presentarsi come il principale operatore nel settore dell’Alternative Investment in Italia, sia in termini di AUM complessivi (oltre 11.500
M€), sia di gamma-prodotto (con più di 50 fondi di investimento nelle diverse asset class: Real Estate, Private Equity, NPL), con circa 200 professionals, ricavi per circa 60 M€ e EBITDA attorno ai 20 M€”.

Sviluppatasi nel corso degli anni con la costituzione di IDeA Capital Funds (2006) e le successive acquisizioni di First Atlantic Real Estate SGR (2008) e FIMIT SGR (2011), la piattaforma DeA Capital vuole proporsi come punto di riferimento per investitori istituzionali italiani ed internazionali nel settore dell’alternative Asset Management, dando il via con il rebranding a una nuova fase per la piattaforma stessa, proiettata anche all’estero.

Una delle priorità della nuova piattaforma sarà il rafforzamento della capacità di fund-raising, soprattutto a livello internazionale, rivolgendosi agli investitori con un’unica proposition e offrendo opportunità di investimento integrate.

“DeA Capital compie quest’anno dieci anni di vita”, ha dichiarato Paolo Ceretti, amministratore delegato di DeA Capital S.p.A, ricordando come tra gli investitori sia aumentato il peso di quelli esteri. “Proponendoci come un operatore integrato, capace di offrire un largo spettro di prodotti all’interno del segmento alternative, riteniamo di poter sviluppare ulteriormente e in modo dinamico la nostra piattaforma, che attraverso questo rebranding intende rafforzare la comune identità di Gruppo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini