Radio Subasio alla conquista di Milano. Punta a Nord la superstation umbra recentemente acquisita da Mediaset

Secondo quanto riporta il quotidiano Perugia Today, Radio Subasio, la superstation di Assisi, è ufficialmente sbarcata nel Nord Italia e in particolare a Milano.

Obiettivo dell’emittente, sempre secondo il quotidiano online, è “conquistare quote importanti di mercato della pubblicità e di ascoltatori, dopo essere diventata una delle radio più ascoltate nel Centro-Sud del Paese”.

L’operazione sul fronte milanese arriva a distanza di un paio di mesi dall’acquisto dell’emittente fondata da Mario Settimi da parte di Mediaset a cui fanno capo attraverso la controllata RadioMediaset anche R101 e le ex Finelco 105 e Virgin.

Sulla metropoli lombarda Subasio sbarca sugli 87.5 in Fm dove fino a poco tempo fa trasmetteva Virgin Radio. Secondo il sito Fm-World le frequenze delle seconde reti Radio Suby e Radio Subasio+ sono state destinate, in buona parte, per rinforzare nel centro-Italia le coperture di Radio 105 (in primis), Virgin Radio ed R101.

Nelle intenzioni degli editori – prosegue Perugia Today – Radio Subasio dovrà specializzarsi sempre di più verso la musica italiana per conquistare un pubblico vasto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini