Anzaldi sulle ospitate di Crozza in Rai: non sono gratis ma retribuite. Se c’è conflitto di interessi di Caschetto se ne occupi Teodoli, da domani direttore di Raiuno

Rai ha risposto all’interrogazione di Anzaldi che chiedeva in Vigilanza spiegazioni sulla presenza di Crozza nei programmi di Viale Mazzini. “L’azienda ammette – scrive il deputato Pd – che le sue ospitate non sono gratis ma retribuite. Ammettono anche che non c’è nessun accordo con Discovery: quindi Discovery si prende la pubblicità gratuita delle ospitate di Crozza (che continua ad avere il suo programma flop sul Nove) e la Rai in cambio non riceve nulla”.

Michele Anzaldi (foto Primaonline)

Michele Anzaldi (foto Primaonline)

“Nessuna risposta – prosegue Anzaldi – sul conflitto di interessi di Caschetto (agente di Fazio e Crozza), né su eventuali danni per la Rai, che promuove la concorrenza. La Rai mette anche nero su bianco in un atto ufficiale che la decisione su Crozza l’ha presa il direttore di Raiuno Fabiano, che domani sarà sostituito da Teodoli”.

“Il nuovo direttore si occupi subito della vicenda: confermerà la decisione del suo predecessore o la metterà finalmente in discussione, visto che la Rai promuove un artista della concorrenza? Anche alla luce dei risultati di ascolto, decisamente deludenti”, conclude.

– Leggi o scarica l’interrogazione parlamentare di Michele Anzaldi (.pdf)

– Leggi o scarica la risposta della Rai (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress