Anche a Rds un pezzo di Radio Italia. Da un’asta fallimentare per 6.5 milioni di euro, acquisisce il 10% del network di Volanti (che pochi giorni fa ha ceduto la stessa quota a Gedi). Montefusco: piani di sviluppo condivisi

Radio Dimensione Suono, gruppo fondato e guidato da  Eduardo Montefusco, comunica che il 10 ottobre si è aggiudicata, dal fallimento Radio e Reti e per  6 milioni e 500 mila euro, una partecipazione azionaria del 10% di Radio Italia. Quota pari a quella che pochi giorni fa si è assicurato il gruppo editoriale Gedi, proprietario di Deejay, Capital e m2o, profilando un significativo ampliamento di questo polo radiofonico nazionale.

Dopo aver espresso pubblicamente l’interesse ad acquisire o comunque legarsi in partnership con Radio 24 – interesse che Confindustria ha rispedito al mittente –  Montefusco con questa operazione conferma l’interesse allo sviluppo nel settore della radiofonia.

Eduardo Montefusco

Eduardo Montefusco

Commentando la notizia, Montefusco fa sapere che con il network di Mario Volanti sono saranno incrementate le sinergie, peraltro già “attive nel ‘Music business’” e di essere “fiducioso che due pionieri puri della radiofonia nazionale possano, insieme, condividere piani di sviluppo in un settore, come quello radiofonico, che è il solo a crescere nel panorama dei media”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti