Oltre 20 milioni di italiani praticano sport. I dati Istat: nel Nord-Est del Paese i più attivi. Il calcio la disciplina più scelta dagli uomini, la ginnastica dalle donne (INFOGRAFICA)

Sono oltre 20 milioni gli italiani che praticano attività sportiva, 23 milioni i sedentari, soprattutto anziani. Fra i praticanti, il 24,4% lo fa in modo assiduo e il 9,8% saltuariamente. Sono questi i dati che emergono dalle stime di Istat, riferite al 2015, pubblicate oggi, 19 ottobre, sul rapporto degli italiani con lo sport.  Secondo l’analisi, la mancanza di tempo è la “scusa” più usata da chi non frequenta piscine o palestre, ma ci sono anche motivi di salute o di scarso interesse fra le varie giustificazioni da utilizzare, mentre c’è una bella quota di persone che preferisce fare movimento attraverso lunghe passeggiate a piedi o in bicicletta.

L’incidenza dei praticanti sulla popolazione dai 3 anni in su è pari al 34,3%. Tra gli uomini il 29,5% fa sport con continuità e l’11,7% di tanto in tanto. Per le donne le percentuali sono più basse, rispettivamente 19,6% e 8,1%. La pratica sportiva continuativa cresce nel tempo per entrambi i generi e in tutte le età: dal 15,9% del 1995 al 22,4% nel 2010 fino al 24,5% nel 2015.

A fare sport sono soprattutto i ragazzi di 11-14 anni (70,3%, di cui il 61% in modo continuativo e il 9,3% in modo saltuario), anche se, con l’avanzare dell’età tendono a praticarne meno. La quota di praticanti e’ piu’ elevata nel Nord-est (40,4%), seguono Nord-ovest (39,5%), Centro (35,3%), Sud e Isole (26,2%). Significative le differenze rispetto al livello di istruzione: pratica sport il 51,4% dei laureati, il 36,8% dei diplomati, il 21,2% di chi ha un diploma di scuola media inferiore e solo il 7,3% di chi ha conseguito la licenza elementare o non ha titoli di studio.

Ginnastica, aerobica, fitness e cultura fisica (25,2% degli sportivi, pari a 5 milioni 97 mila persone), sono tra le discipline più scelte, seguite da calcio (23%, 4 milioni 642 mila persone) e sport acquatici (21,1%, 4 milioni 265 mila persone).

Il nuoto è lo sport piu’ diffuso tra i bambini fino a 10 anni (43,1%), il calcio tra gli under35 (33,6%), ginnastica, aerobica, fitness e cultura fisica tra gli adulti fino a 59 anni e sopra i 60 anni (27,4%).

La categoria delle escursioni e delle passeggiate di almeno di 2km, rilevata in maniera esplicita per la prima volta nel 2015, è praticata da più di 1 milione 173mila persone.

Lo sport viene esercitato per passione o piacere (60,3%), per mantenersi in forma (54,9%), per svago (49,5%) e per ridurre lo stress accumulato (31,6%).

Circa la metà della popolazione di 3 anni e piu’ non ha mai praticato sport (44,9%), una persona su cinque ha praticato uno sport che ha poi interrotto (20,2%). Non pratica sport chi dichiara di non avere tempo (38,6%) interesse (32,8%), per ragioni legate all’età (23,5%), per stanchezza/pigrizia (16,1%),per motivi di salute (15,9%), familiari (15,1%), motivi economici (13,8%). Il 26,5% della popolazione non pratica uno sport ma svolge attivita’ fisica, come fare lunghe passeggiate a piedi o in bicicletta, giardinaggio, ecc. (15 milioni 640 mila persone).

I sedentari, ossia coloro che dichiarano di non praticare alcuno sport o attivita’ fisica nel tempo libero, sono oltre 23 milioni (39,1% della popolazione) e aumentano con l’eta’ fino ad arrivare a quasi la meta’ della popolazione di 65 anni e piu’.

– Leggi o scarica il report completo (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress