L’impegno di Assolombarda per ‘Il Sole’ è di circa 150 mila euro, dice il presidente Carlo Bonomi. Il giornale un asset strategico del sistema e dell’intero Paese

“L’impegno di Assolombarda è stimato intorno ai 150 mila euro. Non sappiamo ancora di preciso perché stiamo aspettando il giorno della quotazione”. Così il presidente dell’associazione degli industriali milanesi, Carlo Bonomi, sulla ricapitalizzazione del Sole 24 Ore. “Assolombarda ha deliberato innanzitutto di sottoscrivere l’aumento di capitale per le quote che già possiede, segno evidente che noi eravamo nel ‘Sole’ e ci saremo ancora”, ha spiegato.

Carlo Bonomi

“Abbiamo deliberato di fare un ulteriore aumento di capitale sociale e soprattutto è stato domandato al presidente di porre in essere tutti quegli atti necessari per salvaguardare l’integrità del Sole perché si tratta di un asset strategico del sistema e dell’intero Paese”, ha aggiunto Bonomi a margine di un incontro sull’Ema.

“Sono sicuro che arriveranno anche dalle altre territoriali ma deve essere ben chiaro che non stiamo salvando il Sole perché l’aumento di capitale è già garantito. Noi stiamo solo dando un segno di contributo che il sistema è solidale rispetto a una messa a disposizione da parte di Confindustria per tutte le azioni inoptate”, ha concluso il presidente di Assolombarda.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti