Muy Confidencial: Tim riorganizza la comunicazione, affidando a Luca Josi anche la responsabilità della digital communication e del media management. Ad Alessio Vinci l’institutional communication

Si riorganizza la comunicazione del Gruppo Tim dopo che Ivan Dompè, ha lasciato la direzione dell’Institutional Communication, ruolo che risponde al presidente del Gruppo, per andare a lavorare con il nuovo amministratore delegato, Amos Genish. Una parte delle responsabilità di Dompè passano ad Alessio Vinci, giornalista con una esperienza alla comunicazione di Alitalia, che si occuperà dell’Ufficio stampa rispondendo al presidente Arnaud De Puyfontaine come l’altra new entry, Francesco Russo, avvocato, phd in diritto della concorrenza, finora socio e responsabile della practice public affairs in Comin&Partners.

Luca Josi e Alessio Vinci

Nella riorganizzazione varata il 18 ottobre a firma dell’ad Amos Genish  non si dettaglia cosa farà la Institutional communication affidata a Alessio Vinci, ma la direzione  manterrà  una propria forte  area dedicata alla gestione della comunicazione attraverso i social oggi leve fondamentali nella comunicazione, anche se nell’ordine di servizio firmato dall’ad  le strutture che finora seguivano i temi passano sotto ‎la direzione Brand Strategy &Media. All’institutional communication rimarranno anche gli investimenti pubblicitari sulla stampa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Edicola, La strada giusta per il dopo. Gli editoriali del 2 giugno di Verdelli sul ‘Corriere’ e di Mauro su ‘Repubblica’

Edicola, La strada giusta per il dopo. Gli editoriali del 2 giugno di Verdelli sul ‘Corriere’ e di Mauro su ‘Repubblica’

Gazzetta dello Sport, l’assemblea approva la solidarietà con riduzione dell’orario del 15%

Gazzetta dello Sport, l’assemblea approva la solidarietà con riduzione dell’orario del 15%

<strong> 1 giugno </strong> Il giovane Montalbano doppia Dunkirk. Brignano batte Ranucci e Porro. Gruber fa 8 e mezzo

1 giugno Il giovane Montalbano doppia Dunkirk. Brignano batte Ranucci e Porro. Gruber fa 8 e mezzo