La prima connessione dati in 5G in Italia è avvenuta a Milano ed è targata Vodafone

Vodafone comunica di aver effettuato a Milano la prima connessione dati in 5G in Italia, nell’ambito della sperimentazione promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico. Vodafone, che si è aggiudicata la sperimentazione 5G per la città metropolitana di Milano, ha utilizzato la banda di frequenze 3.7-3.8 GHz, messe a disposizione dal Mise.

La connessione dati 5G è stata realizzata attraverso un’antenna localizzata presso il Vodafone Village di Milano, che rappresenta la prima installazione del piano di copertura previsto.

La sperimentazione 5G a Milano è stato realizzata da Vodafone grazie a Huawei, che ha messo a disposizione l’apparato radio basato su tecnologia “Massive MIMO”.

Si tratta di un vero e proprio test live, per cui sono stati utilizzati prototipi di apparati di rete 5G, conformi allo stato corrente dello standard 3GPP, tra cui la tecnologia “Massive MIMO” che consente di incrementare sia la capacità che la copertura.

Durante il test è stato possibile apprezzare le performance della rete 5G raggiungendo velocità di download superiori a 2,7 Gigabit al Secondo, con latenza di poco superiore al millisecondo.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giro d’Italia, la Maglia Rosa compie 90 anni e li festeggia con una mostra interattiva: video, foto inedite e concorso per votare la più amata

Giro d’Italia, la Maglia Rosa compie 90 anni e li festeggia con una mostra interattiva: video, foto inedite e concorso per votare la più amata

Sanremo, Maneskin trionfano anche sui giornali, ma Ermal Meta vince in radio e tv. L’analisi della presenza dei cantanti sui media

Sanremo, Maneskin trionfano anche sui giornali, ma Ermal Meta vince in radio e tv. L’analisi della presenza dei cantanti sui media

Nicola Lillo da Cdp a Plazzo Chigi nel team di Giugliano per la comunicazione e i rapporti con la stampa estera

Nicola Lillo da Cdp a Plazzo Chigi nel team di Giugliano per la comunicazione e i rapporti con la stampa estera