Poligrafici stamperà la ‘Gazzetta di Parma’ dal 1° febbraio 2018. Investimento da 1,2 milioni di euro

Poligrafici Printing Spa rende noto che, per il tramite della controllata Centro Stampa Poligrafici Srl (Csp), ha raggiunto un accordo con Gazzetta di Parma Srl per la stampa del quotidiano ‘Gazzetta di Parma’.

L’accordo, spiega una nota, decorrerà dal 1° febbraio 2018 con durata di cinque anni e prevede la stampa di tutte le copie della ‘Gazzetta di Parma’. Lo stabilimento di produzione sarà quello di Bologna con back up lo stabilimento di Firenze.

Tale attività ha comportato un investimento tecnico di modifica delle tre rotative KBA Color di Bologna e Firenze (di proprietà di CSP) per adattarne la produzione al formato 30X44 cm, che diventerà pertanto alternativo all’attuale formato 30X38 cm. L’investimento complessivo, stimato nell’ordine di 1,2 milioni di euro, si è reso necessario per adeguare gli impianti alle caratteristiche del quotidiano ‘Gazzetta di Parma’ nonché per adattarsi a quelle che sono le attuali richieste di mercato in tema di formato del quotidiano.

“Tale modifica tecnica ha permesso di aggiudicarci una commessa prestigiosa con l’Editore del quotidiano ‘Gazzetta di Parma’, con il quale peraltro il Gruppo Monrif stava già collaborando in altri ambiti”, commenta il presidente di Poligrafici Printing Nicola Natali. “Inoltre il nuovo formato 30X44 permetterà al Gruppo Poligrafici Printing di porsi come centro di stampa poligrafica leader nel centro-Italia grazie alla intercambiabilità degli stabilimenti di Bologna, Firenze e Loreto”.

Andrea Riffeser Monti (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini