La Rai sede naturale per il confronto tra Renzi e Di Maio, scrivono i consiglieri di Viale Mazzini a Fico. La tv pubblica garante di autorevolezza, trasparenza e qualità della copertura

“Non può che essere la Rai la sede naturale del confronto tra Luigi Di Maio e Matteo Renzi. Così come di tutti i confronti che dovrebbero riguardare i leader delle altre forze politiche in occasione della prossima campagna elettorale”. Lo scrivono in una lettera al presidente della Vigilanza, Roberto Fico, i consiglieri Rai Guelfi, Borioni, Siddi, Diaconale, Freccero e Mazzuca, intervenendo sul tema del confronto tra il segretario Pd e il candidato premier M5S che ha acceso l’interesse di diverse reti e trasmissioni.

”Un confronto politico di evidente interesse, che di fatto apre una fase elettorale attesa e delicata, non può muovere da una discriminazione preconcetta di una parte politica sull’emittente pubblica, sulla Rai”, scrivono i consiglieri, sottolineando come “per la missione, per la funzione, per i risultati, per la facilità d’accesso, per la modalità d’uso, la televisione pubblica è garante di autorevolezza, trasparenza e qualità della copertura”.

Nella foto Matteo Renzi e Luigi Di Maio

”Nè può essere usato come favore commerciale ad una rete concorrente capace di risultati davvero lontani a discapito del valore di servizio”.

“Sono motivi semplici, diretti che rivolgiamo a lei, Presidente Roberto Fico, e ci auguriamo voglia intervenire per il ripristino di condizioni di tutela del servizio pubblico per il quale, solo pochi giorni fa ci siamo riuniti a misurarne l’efficacia e i risultati del primo semestre”.

“La messa a disposizione del “confronto” del Tg1, così come i confronti successivi, nell’orario di maggior ascolto”, concludono, “ci pare un atto dovuto nello spirito del Contratto di servizio e nel rispetto del compito che i cittadini ci affidano giorno dietro giorno, non da ora, da diversi decenni, con l’alternarsi di fasi politiche che in comune avevano il rispetto dei ruoli e della cosa pubblica”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza