In Mondadori nasce il polo International Fashion per sviluppare il valore del brand Grazia in Italia e nel mondo. Alla guida la brand manager Daniela Sola

Mondadori accelera sull’internazionalizzazione del brand Grazia, già presente in 24 Paesi del mondo con il magazine e le sue declinazioni digitali, costituendo il nuovo polo International Fashion affidato alla brand manager Daniela Sola. Contemporaneamente Sola, che riporta al direttore generale Periodici Italia Carlo Mandelli, assume il ruolo di managing director di Mondadori International Business, la società che gestisce la presenza sui mercati esteri anche di altri brand del gruppo tra cui Interni, Icon, Icon Design e Il mio Papa.

Daniela Sola

Per la manager il nuovo incarico è un ritorno a casa: Sola ha infatti lavorato in Mondadori con vari incarichi, tra cui alcuni nel settore internazionale, dal 2001 al febbraio 2013 quando è passata alla Salvatore Ferragamo Parfums per occuparsi della comunicazione con l’incarico di International communication director.

In quanto a Grazia, Sola dovrà fare leva sul network esistente per implementare la forza di un brand che in campo internazionale è considerato l’interprete del made in Italy di alta gamma. Attualmente il sistema multicanale di Grazia (magazine, digitale, social ed eventi) raggiunge nel mondo, dichiara il gruppo di Segrate, “un’audience complessiva di 17 milioni di lettori – con una media di 10 milioni di copie al mese – e di 30 milioni di utenti unici”.

Secondo i dati dell’editore, in Italia Grazia ha registrato nei primi nove mesi dell’anno un incremento della raccolta pubblicitaria complessiva a spazio (magazine+digitale) del 7,5% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti